III Congresso Nazionale SINO - La nutraceutica elemento di una vita migliore

  • CODICE ECM: 360638
  • DATA: 29/10/2022
  • SEDE: Milano - Palazzo Cusani
  • EDIZIONE 1° edizione
  • Crediti ECM: 6,0

RAZIONALE
Sono trascorsi poco più di 20 anni (2001) da quando è stato sequenziato il genoma umano e ancora meno da quando sono stati identificati e sequenziati i batteri intestinali di due individui differenti nel 2005 e 2006.
Da allora molti ricercatori si sono dedicati allo studio del microbioma intestinale, evidenziando come esso viene influenzato dalla dieta, dallo stile di vita e dall’età.
Il microbioma è stato definito un nuovo organo umano, determinato dall’insieme del patrimonio genetico e delle interazioni ambientali dei microrganismi di diversi ecosistemi umani.
E’ quindi un sistema complesso determinante per il nostro benessere e le nostre patologie, ma anche per la nostra cognitività e vita emozionale.
Le nuove tecnologie, i metodi analitici (e i Big Data) hanno permesso la genotipizzazione dell’uomo prima e dei suoi batteri simbiotici poi (Lynn Margulis, la microbiologa che negli anni 60 ha sviluppato la teoria dell’endosimbiosi, nel 1991 esprime il discusso concetto di olobionte per indicare l’insieme dell’ospite e dei suoi microrganismi) e hanno aperto nuovi scenari della conoscenza medica.
Ecco perché oggi è necessario parlare di metabolomica e scienze omiche, per un approccio del tutto nuovo non solo al malato, ma anche all’essere umano sano e a quello che non ancora nato.
Fin dai tempi di Ippocrate l’alimentazione è stata considerata basilare per la salute, oggi sappiamo che il cibo e la nutraceutica siano fondamentali per il benessere e per la diversa espressività dei nostri geni in assenza di mutazioni genomiche (epigenetica); inoltre il sistema alimentare globale è la prima causa di perdita della biodiversità e quindi non può esistere transizione ecologica senza passare dalla nostra tavola.
Un ampio capitolo sarà dedicato all’odontoiatria e al microbioma orale. Le disbiosi orali possono essere spia e causa di malattie “metafocali” di altri organi e apparati, come patologie cardiologiche ed ostetriche.
In seguito verranno analizzati aspetti terapeutici specifici e pratici riguardanti patologie orl, per tornare all’impegno della nostra società scientifica di validare la nutraceutica come scienza spogliandola da ogni tentazione di empirismo (medicina complementare).
Per concludere parleremo di un’ultima novità rappresentata dalla terapia biologica che nell’ultimo anno ha rivoluzionato la terapia su una delle nostre più frequenti problematiche, la poliposi nasale.
La giornata sarà arricchita da spunti culturali e si concluderà in bellezza a sottolineare quanto la qualità della vita sia importante al fine di una vita migliore.

RESPONSABILE SCIENTIFICO
Carlo Berardi, Milano

SEGRETERIA SCIENTIFICA
Carla Castellani, Milano
Jean Pierre Pintucci, Milano
Anna Berardi, Milano

Compilare il form per maggiori informazioni.

Accettare il trattamento sulla Privacy

TOP